.

Per la produzione dei barili sono adatti solo gli alberi belli, d’alto fusto che abbiano il tronco diritto. Tagliato il tronco su misura si deve riceverne le doghe (assicelle) possibilmente spaccando il legno,

« VisszaElőre »

e poi si deve maturarle per almeno due anni all’aperto, lasciandole battute dalla neve, dal sole, dalla pioggia e dal vento.

Dopo il periodo di maturazione le doghe vengono prodotte, dopo un’accurata selezione, con gran cura, utilizzando diverse pialle, accetta, coltelli da intaglio, strumenti di serraggio. Per stoccare i vini vengono usate sempre i tipi più adatti dei barili a seconda delle regioni. In Ungheria i barili più diffusi erano i barili di Gönc e quelli di Szerednye, di 136 e 220 litri.

hungarian english france